Questo romanzo, nonostante sia una lettura molto scorrevole, ha bisogno del suo tempo per essere metabolizzato, perché l’autrice ha la notevole capacità di trattare temi dolorosi muovendosi tra le dinamiche della quotidianità. A fare la differenza nella vita di ognuno di noi non sono infatti gli avvenimenti eccezionali, ma le scoperte comuni come una parola d’affetto sincera o un gesto di generosità inaspettato. Nel romanzo sono presenti molti spunti di riflessione sulla solitudine, sul saper stare al mondo, sull’amicizia, sul rapporto genitori-figli, tutto in netto contrasto con una routine sempre uguale: appartamento, ufficio, colleghi con cui non si ha niente in comune, lavoro monotono e malpagato. La protagonista è indimenticabile, impossibile non amarla, con il suo linguaggio forbito e la sua ingenuità da adolescente, per la forza straordinaria, l’equilibrio faticosamente conquistato e la riscoperta di sé, la maturità conquistata grazie agli stessi eventi che la porteranno a fare i conti con il passato, a parlarne e ad affrontarlo. Quello di Eleanor è infatti un passato tragico, sbattuta da una famiglia in affido all’altra. Ha imparato a contare solo su sé stessa, conduce una vita monotona e abitudinaria, non sa cosa siano le convenzioni sociali e si rifugia nella vodka per combattere i suoi demoni. La sua corazza però inizia a sgretolarsi dopo l’incontro con un collega, Raymond che ha la capacità di ascoltare e di saper aspettare i tempi di Eleanor senza nessuna pretesa di avere le risposte. Con lui si ritrova a soccorrere un anziano in difficoltà e da questo scombussolamento della routine quotidiana e i conseguenti contatti umani che nasceranno da questo incontro, Eleanor capisce che esistono la gentilezza e anche l’amicizia, ma soprattutto inizia un percorso difficile con sé stessa che la porterà a combattere il passato e a rinascere sotto una nuova luce. Una storia profonda, sofferta eppure semplice e a tratti persino divertente, commuovente, con un grande esempio di resilienza.
recensione di Laura Di Flaviano
Traduttore: Stefano Beretta
Editore: Garzanti
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 17 maggio 2018
Pagine: 352 p., Rilegato
  • EAN: 9788811672364