Fatta una passeggiata a cavallo… Primavera straordinariamente gradevole. Ogni volta non riesco a credere ai miei occhi. È possibile che tutta quella bellezza nasca dal niente?

Lev Nikolàevič Tolstòj (Jàsnaja Poljana, 9 settembre 1828 – Astàpovo, 20 novembre del calendario Gregoriano 1910), è stato uno scrittore, filosofo, educatore e attivista sociale russo.  È stato uno dei scrittori più conosciuti e importanti di tutti i tempi, molto attivo e amato anche nel campo sociale soprattutto verso la vita contadina, fino ad avere una sua corrente il tolstoismo. Fu anche filosofo e uomo religioso importante per la sua epoca, e fu scomunicato dalla Santo Sinodo, per le sue idee anarchico-cristiane e anarco-pacifiste. La vita di Tolstoj non fu affatto facile tormentato dal suo io, dal mondo in generale, dalla ingiustizia e costellata da lutti ed eventi tragici. Sarà l’autore di grandi romanzi, come Anna Karenina, Resurezione, I Cosacchi, ma soprattutto uno dei capolavori più importante di tutti i tempi, Guerra e Pace, che avrà un successo talmente forte da essere ancora oggi uno dei libri più venduti al mondo. Il 20 novembre del 1910 moriva a Astàpovo acausa di una polmonite.

House Tolstoj, Jasnaja Poljana:

Tomba Tolstoj:

Consiglio di leggere tutto lo scritto di Lev Tolstoj in particolare, Guerra e pace:

– Eh bien, mon prince, Gênes et Lucques ne sont plus que des apanages, dei dominî de la famille Buonaparte. Non, je vous préviens que si vous ne me dites pas que nous avons la guerre, si vous vous permettez encore de pallier toutes les infamies, toutes les atrocités de cet Antichrist (ma parole, j’y crois), je ne vous connais plus, vous n’êtes plus mon ami, vous n’êtes plus il mio fedele schiavo, comme vous dites. Su via, buona sera, buona sera. Je vois que je vous fais peur, sedete e raccontate.
Così parlava nel luglio dell’anno 1805 la nota Anna Pàvlovna Scerer, damigella d’onore e familiare dell’imperatrice Mària Fiòdorovna, accogliendo il grave dignitario e principe Vasili, giunto per primo alla sua serata.

[Lev Tolstoj, Guerra e pace, traduzione di Alfredo Polledro, Newton Compton, Roma, 2011. ISBN 9788854125735]