Che cos’è, per lo più, l’amore? Il capriccio d’un giorno, un’allegra unione, mediante la quale due esseri s’ingannano reciprocamente e spesso in buona fede. (Da Ascanio)

Alexandre Dumas padre (Villers-Cotterêts, 24 luglio 1802 – Puys, località di Dieppe, 5 dicembre 1870) è stato uno scrittore e drammaturgo francese. Il 24 luglio del 1802 nasceva a Villers-Cotterêts, Alexandre Dumas padre. Il padre Thomas Alexandre Davy de La Pailleterie, noto in Francia come “generale Dumas”, era un generale mulatto della rivoluzione francese, sua madre era una schiava di etnia africana. La madre Marie-Louise Elisabeth Labouret,  gestiva un piccolo spaccio di tabacchi. Dumas scrisse molti romanzi, tra i quali: I tre moschettieri, da Vent’anni dopo e da Il visconte di Bragelonne, Il Conte di Montecristo, Il Tulipano nero, Robin Hood,  La Regina Margot, La dama di Monsoreau, I Quarantacinque, ecc…

Il romanzo che preferisco di Dumas per me rimane Il Conte di Montecristo:

Il 24 febbraio 1815 la vedetta di Nostra Signora della Guardia segnalò il tre-alberi Pharaon che arrivava da Smirne, via Trieste e Napoli.
Come al solito, un pilota costiero partì immediatamente dal porto, costeggiò il castello d’If e raggiunse la nave tra il Capo Morgiou e l’isola di Rion. E tosto, come al solito, il belvedere del forte Saint-Jean si riempì di curiosi poiché a Marsiglia l’arrivo di un bastimento, soprattutto se è stato costruito, attrezzato e stivato nei cantieri della vecchia Fhochée e appartiene a un armatore della città, è sempre un grande avvenimento.
[Alessandro Dumas, Il conte di Montecristo, traduzione di Giovanni Ferrero, Fabbri Editori, 2001]