L’investigatore Hugo Fischer viene inviato, a ridosso delle feste natalizie, presso il campo di concentramento di Auschwitz per indagare sulla morte del pediatra nazista Sigismud Braun, stretto collaboratore di Josef Mengele. Durante la raccolta delle prove, Fischer avrà come valido aiutante il piccolo Gioele, ebreo italiano pupillo del dottor Mengele. Un thriller storico dall’ambientazione particolare, nel campo di concentramento più tristemente famoso, descritto in modo realistico, brutale e pieno di orrore; il trattamento dei deportati, gli esperimenti praticati in particolare modo sui gemelli, le uccisioni, le crudeltà insensate vengono sottolineate con particolare intensità e potenza. La lettura non è sempre facile perché ne traspare la totale impotenza di poter fare qualcosa di concreto per salvare gli innocenti, la completa freddezza e indifferenza di chi nel campo lavora e i continui compromessi con il male e l’orrore che non finisce mai, in un turbine di dolore e desolazione. Lo stile narrativo è fluido e avvincente, numerosi sono i colpi di scena durante l’indagine ed i personaggi sono ben costruiti, soprattutto a livello psicologico, con tratti davvero realistici che coinvolgono il lettore nelle loro vite. Un romanzo che fa comprendere completamente la necessità di non dimenticare che cosa è accaduto, ricco di orrore, dolore, ma anche di resistenza, di speranza in un cambiamento concreto, di lotta incessante per la libertà. Un thriller potente ed intenso che trascina il lettore fra eventi che sono realmente accaduti ed una vicenda che ricostruisce pienamente la sopravvivenza nei campi di concentramento, fra orrore e speranza.

recensione di Andrea Maino

Editore: Rizzoli
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Sì Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 438,59 KB
Pagine della versione a stampa: 384 p.
  • EAN: 9788831803670