La forte testimonianza, diretta e a volte cruda, della piccola Dikte, una bambina ebrea ungherese, non potrà lasciarvi indifferenti. Sotto la persecuzione nazista, tutta la sua famiglia verrà obbligata a lasciare la casa (ed il pane appena messo a lievitare) per trasferirsi dapprima nel ghetto, in condizioni difficili e subumane, fino alla deportazione presso il campo dì concentramento di Auschwitz. Dikte riuscirà a sopravvivere alle barbarie insieme alla sorella, ma la vita dopo la liberazione non sarà affatto semplice e serena. La fredda e dura accoglienza e indifferenza da parte dei familiari sopravvissuti, la ricerca della Terra promessa tanto sognata dalla madre, ma che per lei rappresenterà soltanto un’amara illusione, la renderanno inquieta ma determinata. Subirà numerose delusioni, in amore, familiari, lavorative, fino a quando finalmente non giungerà in Italia e troverà una sorta di pace. Un breve ma intensissimo racconto che smuove la coscienza e le riflessioni, una drammatica odissea che si concluderà con una struggente richiesta a Dio affinché nessuno smarrisca la memoria del passato.

recensione di Andrea Maino

Libri di Edith Bruck
Edith Bruck, di origine ungherese, è nata in una povera, numerosa famiglia ebrea. Nel 1944, poco più che bambina, il suo primo viaggio la porta nel ghetto del capoluogo e di lì ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen. Sopravvissuta alla deportazione, dopo anni di pellegrinaggio, approda definitivamente in Italia, adottandone la lingua. Nel 1962 pubblica il volume di racconti Andremo in città, da cui il marito Nelo Risi trae l’omonimo film. Nelle sue opere ha reso testimonianza dell’evento nero del xx secolo. Ha ricevuto diversi premi letterari ed è stata tradotta in più lingue. Tra le sue opere pubblicate in Italia ricordiamo: Chi ti ama così (Marsilio 1994), L’amore offeso (Marsilio 2002), Lettera da Francoforte (Mondadori 2004), Specchi (Storia e Letteratura 2005), Andremo in città (L’Ancora del Mediterraneo 2006), Quanta stella c’è nel cielo (Garzanti 2009), Privato (Garzanti 2010), Mio splendido disastro (Lampi di Stampa 2011), La donna dal cappotto verde (Garzanti 2012), Quanta stella c’è nel cielo (Garzanti 2014), Il sogno rapito (Garzanti 2014), Signora Auschwitz. Il dono della parola (Marsilio 2014), Chi ti ama così (Marsilio 2015), La rondine sul termosifone (La Nave di Teseo, 2017), Versi vissuti. Poesie (1975-1990) (eum, 2018), Ti lascio dormire (La Nave di Teseo, 2019).

Collana: Oceani
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 21 gennaio 2021
Pagine: 128 p., Brossura
  • EAN: 9788834604519