Il libro ruota intorno alla vita di quattro amiche; Lucy, impiegata interinale, alle prese con un fidanzato poco presente e traditore; Chantal, americana trapiantata a Londra per amore, che ama il marito ma ha perso l’intimità sessuale; Nadia, casalinga forzata dopo la gravidanza, con un marito dipendente dal gioco e Autumn, giovane ricca hippy che lavora in un centro di recupero di tossicodipendenti con un fratello spacciatore e drogato che crea non pochi problemi. Ad un qualunque tipo di emergenza, è sufficiente che una delle quattro invii il messaggio “emergenza cioccolato” e tutte si materializzano nel Paradiso del cioccolato, una pasticceria rinomata per la sua produzione artigianale di ogni genere di dolce a base di cioccolato. Il libro conta 350 pagine che volano letteralmente dietro alle avventure delle quattro amiche, che non sono poche e in particolare quelle di Lucy e Chantal sono davvero esilaranti, ma è il cioccolato che la fà da padrone. Viene descritto continuamente (le protagoniste ne fanno un uso continuo e smodato) in modo sensuale e peccaminoso, abbinato a diversi altri alimenti, dalle noci al peperoncino, dal caramello alle nocciole, sotto forma di cioccolata calda, cioccolatini o brownies, ed è sempre eccitante, intrigante, gustoso, seducente e praticamente orgasmico! Questo libro è un’ode al cioccolato! La panacea di tutti i mali, l’antidepressivo, il consolatore, antidoto a tristezza, solitudine e difficoltà. Ho fatto overdose semplicemente leggendo! Il libro è piacevole, scorre veloce, è come guardare una commedia divertente alla tv. Lascia poco su cui riflettere, ma insegna davvero molto sul cioccolato!

Laura di Flaviano