Questo romanzo è fluido, leggero seppur drammatico e mette in luce un personaggio secondario nei racconti epici e mitologici : Patroclo, principe esiliato, giovane delicato e sensibile, non incline all’arte della guerra. La voce narrante è proprio la sua e ci narra la sua storia fin da bambino, all’incontro con Achille ed all’epilogo. La prima parte risulta più lenta ma serve a comprendere i personaggi, a descrivere il loro rapporto, i loro sentimenti, le loro emozioni. La seconda parte più di azione in quanto ci porta verso Troia, sui campi di battaglia. Il racconto non si discosta di molto da quello di Omero ma è la prospettiva che cambia: qui le vicende non sono narrate da una voce fuori campo ma da uno dei protagonisti, amico ed amante di Achille, ed il racconto si fa quindi intimo, profondamente umano. Riecheggiano anche personaggi delle tragedie di Euripide ed Eschilo. Tornano i temi del poema omerico: onore, gloria, amore, amicizia, lealtà, ma riscritti in chiave moderna. Una storia di amore e passione che coinvolge il lettore.

recensione di Paola Caponigro

Editore: Marsilio
Anno edizione: 2019
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 gennaio 2019
Pagine: 382 p., Brossura
  • EAN: 9788831780988
  • Libri di Madeline Miller
    Ha un dottorato in lettere classiche alla Brown University e ha insegnato drammaturgia e adattamento teatrale dei testi antichi a Yale. Il suo primo romanzo, La canzone di Achille (Sonzogno, 2013), è stato un successo internazionale, ha vinto l’Orange Prize ed è stato tradotto in venticinque lingue. Pubblicato negli Stati Uniti e nel Regno Unito nel 2018, Circe (Sonzogno, 2019) ha scalato le classifiche dei libri più venduti del New York Times e del Sunday Times ed è stato “libro dell’anno” per le principali riviste letterarie americane.