“La città di vapore” è una raccolta di racconti pubblicata postuma dopo la morte del famoso scrittore, avvenuta lo scorso anno. All’interno di queste pagine possiamo ritrovare la magia e l’atmosfera delle vie di Barcellona narrate da Zafon, intrise di quel velo di malinconia e mistero che soltanto lui è riuscito a creare. In alcuni racconti possiamo conoscere alcuni aspetti mai svelati dei protagonisti dei suoi famosi romanzi, che ritroviamo accanto a scrittori maledetti, povere prostitute e personaggi sfortunati. Lo stile narrativo è inconfondibile, poetico e descrittivo, fortemente evocativo, con la perfetta capacità di farti perdere fra le vie di Barcellona insieme ai suoi protagonisti. Alcuni racconti sono davvero coinvolgenti, altri sono troppo brevi e con troppe lacune per riuscire a trasportare totalmente il lettore all’interno della storia, ma tutti sono ricchi di fascino, spesso intrisi di dolore e disperazione, di mistero e di speranza. Concludere questo libro lascia un po’ di amarezza e nostalgia, sapendo che non si potrà mai più leggere altro di questo talentuoso scrittore. Se avete amato i suoi romanzi non potete di certo perdervi questa emozionante raccolta, almeno per rimanere ancora un po’ avvolti dalle sue atmosfere ricche di fascino e mistero. Carlos Ruiz Zafon è un autore che mancherà moltissimo.

recensione di Andrea Maino

Traduttore: Bruno Arpaia
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 9 febbraio 2021
Pagine: 180 p., Rilegato
  • EAN: 9788804738237