Mamma

Or ella veglia, calma nel sorriso,
presso il lettuccio ove la bimba dorme.
Hanno nel sonno le infantili forme
una soavità di paradiso.
S’addormenta la bimba con la mano
nella sua mano; ed ella più non sa
toglier le sue da quelle
piccole dita, petali di rosa.
S’addormentò la bimba sullo strano
ritmo d’una canzon d’ali e di stelle
ch’ella cantava: – ora la sogna, forse.
Passano l’ore e passano le stelle;
la madre veglia – e ancor, nel divino
silenzio, ella non sa
togliere la sua da quella man di rosa
che tiene tutto avvinto il suo destino.

Ada Negri

Dipinto, Gustav Klimt