Questo romanzo a fumetti, che si legge tutto d’un fiato, che cattura l’attenzione del lettore, va dritto al cuore: indigna,commuove, fa riflettere e sicuramente lascia una nuova,dolorosa consapevolezza.Le immagini ritraggono in modo realistico l’ambiente urbano e periferico in cui si svolgono le vicende e descrivono in modo diretto le emozioni dei protagonisti. Il racconto è intenso,emozionante incisivo;mostra con obiettività e tenerezza la condizione sociale dell’infanzia iraniana, un’infanzia di soprusi e violenza in cui l’amicizia e la solidarietà sono l’unica fonte di speranza.Non si può non soffrire insieme a questi bambini,sentire l’ingiustizia sulla propria pelle.Consigliato ,un piccolo gioiello nel suo genere.Spero che l’autrice pubblichi dell’altro.

Paola Caponigro